Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Privacy: no alla vendita banche dati on line senza informare gli interessati

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter n. 311/2008) ha reso noto di aver vietato a un piccolo imprenditore di vendere sul proprio sito web banche dati senza informare gli interessati. L'AutoritÓ ha quindi precisato che le norme sulla protezione dei dati personali stabiliscono che Ŕ lecito estrarre e raccogliere dati personali, senza la necessitÓ di avere il consenso degli interessati, da pubblici registri, documenti o elenchi conoscibili da chiunque. Ma le norme precisano anche che Ŕ obbligatorio informare gli interessati della costituzione della banca dati e degli scopi per i quali le loro informazioni personali verranno usate (compresa ovviamente la cessione o la vendita a terzi), in modo tale da consentire ai medesimi interessati di potersi opporre, se lo ritengono, al trattamento dei propri dati.
Venendo a mancare questa informativa, i dati risultano trattati in violazione della disciplina in materia di privacy e non possono pi¨ essere utilizzati.
(06/09/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE