Sei in: Home » Articoli

Rapporto di lavoro: l'obbligo della reperibilità

L'obbligo di reperibilità del lavoratore assente per infortunio sul lavoro, non è direttamente disciplinato dalla normativa sulle fasce orarie di reperibilità in caso di malattia ma può essere legittimamente introdotto e disciplinato dal contratto collettivo. Lo ha stabilito la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (sentenza n. 15773 del 9 novembre 2002) facendo rilevare che, la disciplina pattizia non è preclusa dalla riserva di legge (costituzionalmente garantita) in ordine alla materia dell'accertamento della condizione psico-fisica del lavoratore. Questo perché, spiega la Corte “la tutela conseguente a tale riserva si correla alla natura invasiva dell'accertamento stesso nei confronti del singolo, ossia a questioni estranee alla reperibilità, la quale riguarda il comportamento passivo del lavoratore volto a rendere possibili l'esercizio del diritto del datore di lavoro al controllo dell'infermità, che discende dall'art. 5, comma 2, della legge 300/70”. La previsione delle fasce orarie, dunque, costituisce una prescrizione a favore del lavoratore “al quale, in assenza di un termine, potrebbe essere altrimenti richiesto l'immediato adempimento dell'obbligo di reperibilità, che corrisponde al diritto di controllo del datore di lavoro e deriva anche dal più generale obbligo di correttezza e buona fede nell'attuazione del rapporto obbligatorio”.
(31/12/2002 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» La Cassazione sugli atti degli avvocati nelle indagini difensive
» Reddito di cittadinanza: come richiederlo
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» La guida in stato di ebbrezza
» Esami avvocato, praticante ricorre e gli abbassano il voto, il Cds conferma
Newsletter f g+ t in Rss