Sei in: Home » Articoli

Privacy: invio pubblicità a soggetti reperiti tramite elenchi 'categorici'? Occorre consenso

Il Garante per la protezione dei dati personali (Comunicato n. 310/2008) ha stabilito che quando si usano sistemi automatizzati per l'invio di pubblicità, è sempre necessario acquisire il preventivo consenso del destinatario e ciò anche se i dati vengono estratti dalle elenchi telefonici categorici (es. Pagine Gialle).
Con questa decisione l'Autorità ha reso noto di aver vietato ad alcune società, l'ulteriore trattamento illecito dei dati personali. Tali società inviavano pubblicità tramite fax e posta elettronica senza il preventivo consenso degli interessati e ricavavano gli indirizzi dei destinatari da elenchi telefonici categorici (es. Pagine Gialle), da registri pubblici e anche tramite Internet. Il Garante ha quindi avuto modo di chiarire che quando si usano sistemi automatizzati per inviare messaggi promozionali a scopo di marketing è sempre necessario acquisire prima il consenso del destinatario, anche quando i dati siano reperiti dagli elenchi categorici o dagli albi pubblici.
(17/08/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Registrare le conversazioni viola il diritto alla riservatezza
» Notifica cartella via pec: illegittima senza firma digitale
» Carabinieri, concorso per 2.000 posti
» Avvocati: il vademecum sulla privacy
» Pensioni: via la Fornero e tagli a quelle d'oro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss