La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 27764/2008) ha stabilito che è reato vendere o noleggiare CD pirata, e ciò anche se il supporto SIAE non è in regola e ciò in quanto va punita l'illecita riproduzione delle opere dell'ingegno. La Corte ha infatti osservato che "la condotta esplicitamente contestata […] non consiste nella utilizzazione di supporti privi del contrassegno previsto dalla legge, bensì nel detenere per la vendita o per il noleggio supporti abusivamente duplicati; tale condotta è contemplata non dall'art. 171-bis e dall'art. 171-ter, lett.a) […], bensì dalla lett. c) del medesimo art. 171-ter".
Vedi anche:
Il contratto di compravendita
Condividi
Feedback

(10/07/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto