Sei in: Home » Articoli

Magia: quando la pubblicità è ingannevole

Condividi
Seguici

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato (provv. 11413/02) accogliendo il ricorso presentato da un’Associazione di consumatori, ha interdetto la pubblicizzazione di consulti divinatori, comparsi su un noto periodico e la correlata commercializzazione per corrispondenza, di riti magici e talismani considerati ingannevoli. L’ingannevolezza del messaggio, è stata rilevata tra le altre cose, in relazione ad indicazioni di carattere tendenzialmente razionale riguardanti la possibilità di ottenere vincite a giochi numerici, quali il Lotto mediante la creazione da parte del mago di numeri personalizzati dai risultati "stupefacenti".
(24/12/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Sequestro del Tfr all'ex marito che non paga il mantenimento
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss