Sei in: Home » Articoli

Cassazione: quando il coniuge in regime di comunione legale non è incapace a testimoniare

Condividi
Seguici

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione in una recente pronuncia (Sent. 10744/2008) ha osservato che "il coniuge in regime di comunione legale non è incapace a testimoniare nelle controversie in cui sia parte l'altro coniuge, che abbiano (…) ad oggetto crediti inerenti all'esercizio dell'impresa esclusiva di quest'ultimo". "Tali cespiti" - precisano i giudici di legittimità - "infatti, diventano comuni ai coniugi solo al momento dello scioglimento della comunione e nei limiti in cui ancora sussistano (art. 178 c.c.), sicché non può dirsi che il teste sia titolare di un interesse che ne legittimi la partecipazione al giudizio, agli effetti di cui all'art. 246 c.p.c.".
(21/06/2008 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Mediazione obbligatoria: non basta sedersi, il tentativo deve essere effettivo
» Cassazione: reato non portare il cane malato dal veterinario
» Fisco: cambia il calendario per la dichiarazione dei redditi
» Sanatoria per la tassa rifiuti non pagata
» Cassazione: nulla la notifica dell'atto al familiare non convivente

Newsletter f t in Rss