Sei in: Home » Articoli

La responsabilità giuridica civile delle organizzazioni e delle associazioni religiose e ONLUS nella preparazione e gestione del soccorso medico in occasione di eventi pubblici

Da un lato l'aumento esponenziale delle cause civili e penali promosse dai pazienti/utenti nei confronti delle associazioni e dei volontari che prestano attività di primo soccorso o di pronto soccorso per colpa professionale, dall'altro la necessità di migliorare la qualità assistenziale dei servizi sanitari finanche durante manifestazioni sportive, religiose, sociali e comunque aperte al pubblico, costringono gli organizzatori e gli stessi volontari ad adottare alcune precauzioni e modalità di intervento medico-infermieristico per raggiungere gli scopi dinanzi indicati. Sono sempre più frequenti gli eventi organizzati da associazioni, chiese, comunità anche scientifiche e confessioni religiose in occasione di feste, convegni, assemblee e comunque dove una folla numerosa di adepti, aderenti e curiosi si incontrano per diverse ore. Chi si avvale di un proprio punto di soccorso, soggiace ad alcune obbligazioni, non dissimili da quelle che vincolano gli enti sanitari sia pubblici che privati. Altri, invece, si avvalgono semplicemente di ambulanze sia proprie che di terzi e la responsabilità civile che disaminerò, si applicherà, ovviamente, solo al primo caso.
(Dott. Mauro Di Fresco)

Condizioni per l'utilizzo di questo materiale


Articolo del Dott. Mauro Di Fresco - Responsabile sezione Diritto Sanitario
(11/06/2008 - Laprevidenza.it)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF