Sei in: Home » Articoli

Cassazione: moglie porta in casa l'amante? Potrebbe perdere tutti i beni

La moglie che tradisce il proprio marito portando l'amante nella casa coniugale rischia la revoca di tutte le donazioni che il marito le ha fatto nel corso degli anni. Lo ha stabilito la Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 14093/2008) precisando che, in questi casi, il presupposto per la revocazione delle donazioni è l'esistenza di un comportamento ingiurioso ai danni di colui che ha donato. Secondo i Giudici, la sussistenza dell'ingiuria "consiste in un comportamento con il quale si rechi all'onore ed al decorso del donante un'offesa suscettibile di ledere gravemente il patrimonio morale della persona, sì da rilevare un sentimento di avversione che manifesti tale ingratitudine verso colui che ha beneficiato l'agente, che ripugna alla coscienza comune".
Nel caso di specie, gli Ermellini hanno ritenuto sussistente l'esistenza dell'ingiuria grave "non tanto l'infedeltà coniugale della ricorrente, la quale all'età di trentasei anni, già madre di tre figli, aveva intessuto una relazione con un ventitreenne, protrattasi clandestinamente per vari anni e sfociata nell'abbandono della famiglia per convivere con il nuovo compagno, quanto l'atteggiamento complessivamente adottato, menzognero e irriguardoso verso il marito, all'insaputa del quale la ricorrente si univa con l'amante nell'abitazione coniugale".
(04/06/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Migranti: dire "andate via" è discriminazione razziale
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» La responsabilità penale dei magistrati

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss