Sei in: Home » Articoli

Contratto concluso dal rappresentante: conflitto di interessi

Affinché il conflitto di interessi (conosciuto o conoscibile dal terzo) renda annullabile il contratto concluso dal rappresentante, è necessario che questi sia portatore di interessi incompatibili con quelli del rappresentato, mentre non ha rilevanza, di per sé, il fatto che l'atto compiuto sia vantaggioso o svantaggioso per il rappresentato e che quest'ultimo provi di aver subito un concreto pregiudizio. Lo ha stabilito la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. n. 16708 del 26/11/2002), precisando che ?i vincoli di solidarietà e la comunanza d'interessi fra rappresentante e terzo sono indizi che consentono al giudice del merito di ritenere, secondo l'id quod plerumque accidit ed in concorso con altri elementi, sia il proposito del rappresentante di favorire il terzo, sia la conoscenza effettiva o quanto meno la conoscibilità di tale situazione da parte del terzo?.
(17/12/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Cannabis terapeutica: sì della CameraCannabis terapeutica: sì della Camera
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF