Cassazione: rappresentanti di commercio? L'IVA sulle grandi somme è dovuta se non provano l'esistenza di un accordo

La Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 12026/2008) ha stabilito che la veste di rappresentante di commercio da sola, non consente di affermare che i movimenti sui conti bancari del professionista, siano ascrivibili a contratti stipulati dallo stesso in rappresentanza di altro soggetto, anziché ad acquisti e rivendite in proprio. In buona sostanza, se i rappresentanti non riescono a dimostrare l'esistenza di un accordo per cui debbono anticipare il prezzo dei beni acquistati per conto di altri, si trovano a dover pagare l'IVA sulle movimentazioni bancarie riferite a quelle stesse operazioni.
Osserva infatti la Corte che, nel caso di specie, è "necessaria la dimostrazione di un patto che facesse carico all'uno di anticipare i prezzi dovuti dall'altro: solo un accordo in tale senso avrebbe potuto superare la presuntiva riferibilità di quei movimenti ad attività commerciale soggetta ad IVA del titolare dei conti correnti".
(27/05/2008 - Avv.Cristina Matricardi)

In evidenza oggi:
» La compensazione delle spese offende la professione forense
» Separazione: quando e come va ascoltato il figlio under12
» La madre perde la figlia se sussistono gli 8 sintomi dell'alienazione parentale
» Infiltrazioni d'acqua: il condominio non responsabile
» Ddl Mobbing: 4 anni di carcere e multe fino a 100mila euro
Newsletter f t in Rss