Sei in: Home » Articoli

Trasferimento del lavoratore, rifiuto al trasferimento, rischio di dequalificazione

La Suprema Corte torna ad occuparsi del problema del demansionamento del lavoratore. Nel caso all'esame del Collegio, il datore di lavoro intima al dipendente il licenziamento per giustificato motivo soggettivo fondato sul rifiuto di questi di trasferirsi in altra sede lavorativa. Di contro, il lavoratore esprime il proprio dissenso al trasferimento ritenendo che l'esercizio delle nuove mansioni avrebbe costituito una dequalificazione. L'assunto del lavoratore confermato dal giudice di appello, il quale, a seguito di una comparazione fra le mansioni svolte nella sede di provenienza e quelle assegnate nella sede di destinazione, ritiene che il trasferimento si accompagni ad un palese demansionamento del lavoratore. (Cristina Ravera)
Cassazione civile , sez. lavoro, sentenza 19.02.2008 n 4060 - Avv. Cristina Ravera
(10/05/2008 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss