Sei in: Home » Articoli

Separazione personale dei coniugi e domanda di addebito.

L?istanza di addebito della separazione è una domanda autonoma rispetto a quella di separazione. Con sentenza 3 dicembre 2001 n.15248 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, dirimendo un contrasto tra la giurisprudenza di legittimità e una giurisprudenza di merito fondata su autorevole dottrina, ha affermato che nel giudizio di separazione personale è applicabile l?art. 277 c.p.c. il quale autorizza il giudice a limitare la pronuncia su una o alcune delle domande oggetto di causa quando per esse soltanto non sia necessaria una ulteriore istruzione.
Pertanto il giudice di merito può limitare la sua decisione alla domanda di separazione, separandola dalla contestuale domanda di accertamento della colpa del coniuge, se ciò risponda a un apprezzabile interesse della parte, che potrà ottenere il divorzio pur nella perdurante pendenza del giudizio sull?addebito della separazione.
(12/12/2001 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE