Sei in: Home » Articoli

Sanita': una scuola internazionale a Siena per la cura del dolore

La ''European Pain School'', una scuola internazionale, organizzata dall'Universita' di Siena, insegnerà ai medici come curare il dolore cronico. La scuola di rilievo internazionale illustrerà le tecniche e gli studi dedicati alla terapia del dolore. Organizzata dall'Universita' di Siena, quest'anno si svolgera' dal 15 al 22 giugno presso la Certosa di Pontignano. La ''European Pain School'', è sicuramente un punto di riferimento internazionale per lo studio delle sindromi da dolore cronico. La Scuola, a cui partecipano docenti ed esperti di rilievo internazionale, svolge un'opera di formazione e aggiornamento sulle terapie del dolore sull'uso corretto dei medicinali, sul rafforzamento muscolare e l'educazione dei pazienti a strategie quotidiane di riduzione del dolore. I docenti della ''European Pain School'' insegnano a giovani medici e ricercatori come inserirsi nel nuovo settore della medicina del dolore, concentrandosi sulle strategie preventive da adottare per interrompere i processi fisici, psichici e sociali che tendono ad aumentare la potenza del dolore e ad allungarne la durata.
Il tema di quest'anno sarà lo studio dei meccanismi periferici del dolore che, insieme a quelli del sistema nervoso centrale, inducono la sensibilizzazione dei neuroni. E' possibile iscriversi alla Scuola compilando la domanda di partecipazione presente sul sito http://www.unisi.it/pain-school/, entro il 30 aprile 2008.
(16/04/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF