Sei in: Home » Articoli

Reato di diffamazione a mezzo stampa: irrilevanza di rettifiche e smentite

La quinta sezione penale della Corte di Cassazione (Sent. 32364/02), ha stabilito che l’elemento soggettivo del reato di diffamazione a mezzo stampa e di omesso controllo dell’informazione, non viene meno né in caso di successiva rettifica dell’informazione né in caso di pubblicazione della smentita proveniente dalla persona offesa. La Corte ha chiarito che al diritto d’informazione della stampa, cui si estende per analogia anche al diritto di cronaca “si accompagna il dovere, penalmente sanzionato, di agevolare prontamente il ristabilimento della verità, come si desume dall’art. 8 della Legge sulla stampa 47/1948”. Tali attività sono dunque obbligatorie e non possono far vinire meno le ipotesi di reato.
(05/12/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Bollette gas: dal 1° gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero

Newsletter f g+ t in Rss