Sei in: Home » Articoli

L'amministrazione inerte di fronte ai cittadini compie un gesto illegittimo

Con ricorso notificato il 7.5.2007, depositato l'1.6.2007, i ricorrenti in epigrafe indicati (nell'assunto che, dopo la formulazione di istanze al Comune di Marino di ottenimento dell'allaccio delle loro utenze al servizio idrico comunale e la notifica di espressa diffida e messa in mora al riguardo, il Comune rimasto inadempiente) hanno chiesto, perdurando l'inerzia del Comune, l'accertamento e la condanna in epigrafe indicati, deducendo i seguenti motivi: 1.- Violazione dell'art. 2 della L. 7 agosto 1990, n. 241, come modificato dalla L. 14 maggio 2005, n. 80 e dall'art. 97 della Costituzione. Dalle molteplici istanze dei condomini ricorrenti e del condominio, di ottenimento dell'allaccio delle loro utenze al servizio idrico comunale, sarebbe scaturito l'obbligo del Comune di Marino di concludere il procedimento de quo con un provvedimento di accoglimento o di diniego. Dopo una iniziale comunicazione di detto Comune, in cui si faceva riferimento ad una sospensione temporanea, non si sarebbe avuto riscontro alle successive richieste e diffide di allaccio.
Tar Lazio, Roma, Sentenza 18.10.2007 n. 9948
(21/04/2008 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Telemarketing: addio chiamate selvagge
» Biotestamento: legge
» A che et si pu andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos' e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF