Con ricorso al Tribunale di Arezzo del 14-10-2003 G. M., operaio dipendente della F. s.p.a., impugnava il licenziamento comminato dal datore di lavoro per giustificato motivo soggettivo in data 28-5-2003, previa contestazione di essere stato "trovato in possesso, senza che ve ne fosse alcuna giustificazione, di 12 mascherine antipolvere di proprietà aziendale e fornite in numero di una a ciascun operaio che ne ha necessità a causa del lavoro che svolge". Il datore di lavoro nella stessa sede aveva contestato al M. alcuni pregressi comportamenti che avevano turbato l'ordine aziendale....
Cassazione, sezione lavoro, sentenza 10.12.2007 n° 25743
Condividi
Feedback

(26/04/2008 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto
» Il reato di maltrattamenti in famiglia nella giurisprudenza