Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

E se il cane del vicino non ci lascia dormire?

Condividi
Seguici

Si può perseguire penalmente il padrone che non impedisce gli strepiti dell’animale a norma dell’art. 659 c.p. La Cassazione, con sentenza n. 35234/01, ha però precisato che le manifestazioni sonore tipiche dell’animale assumono connotazioni di illiceità solo quando eccedono i limiti della normale tollerabilità e realizzano potenziale offesa alla quiete di una collettività indifferenziata di persone. Con specifico riferimento al latrare dei cani, la Suprema Corte ha stabilito che il fatto penalmente rilevante è quello di non impedire all’animale non già di abbaiare, ma di farlo in maniera smodata e in orari tali da disturbare la tranquillità e il riposo di una collettività di persone, come ad esempio gli abitanti di un condominio.
(11/12/2001 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss