Sei in: Home » Articoli

Cassazione: costi non inseriti in bilancio? La riscossione è più facile

La Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 7787/2008) ha stabilito che l'impresa non inserisce dei costi nelle scritture contabili, non potrà dedurli presuntivamente e non potrà conseguentemente godere del beneficio. In tali ipotesi, pertanto, secondo la Cassazione, sarà più facile per il Fisco procedere con la riscossione delle maggiori imposte (per quei costi non inseriti).
La Corte ha infatti precisato che "in materia di costi, è giurisprudenza consolidata di questa Corte, condivisa in questa sede, che, in tema di accertamento delle imposte sui redditi ed in merito alla deducibilità di costi di impresa non registrati, le norme del d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (e, in particolare, l'art. 75, sesto comma) non risultando dal conto dei profitti e delle perdite – come richiesto dall'art. 74 del previgente d.P.R. 29 settembre 1973, n. 597 -, non siano state annotate nelle scritture contabili, purché non si tratti di irregolarità meramente formali".
(09/04/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti in piazza per l'equo compensoAvvocati e professionisti in piazza per l'equo compenso
Condominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzatoCondominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF