Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non è diffamazione smontare il super ego dei medici

Non è reato smontare il super ego di certi professionisti. E' quanto afferma la Corte di Cassazione ricordando che "la reputazione non si identifica con la considerazione che ciascuno ha di se' o con il mero amor proprio". La Corte ha così bocciato il ricorso di un noto ginecologo, che si era sentito diffamato da un articolo pubblicato su un noto quotidiano e nel quale era stato definito come "pigro di penna avendo pubblicato lo stretto necessario e mai su riviste scientifiche quotate". Secondo la Corte (sentenza 10724/2008) una simile affermazione non costiuisce altro che l'esercizio del legittimo diritto di critica e non viola nemmeno "il limite della continenza poiche' lo scritto rispecchia il metodo pungente e mordace dell'informazione giornalistica, che per colpire l'attenzione dei lettori non puo' adoperare il linguaggio incolore della Gazzetta Ufficiale". In primo grado i giudici di merito si erano pronunciati in senso diametralmente opposto, tanto che il Tribunale di MIlano aveva condannato per diffamazione a mezzo stampa il direttore e l'autore dell'articolo.
L'assoluzione è giunta prima in appello e poi confermata dalla Cassazione. La V sezione penale nel respingere il ricorso del professionista ha ricordato che "la notizia offerta dal quotidiano e' vera, dal momento che come chiarito dalla corte di merito, la produzione scientifica del dottor [...] non e' copiosa e che i suoi contributi pubblicati sull'autorevole 'The Lancet' sono due e risalgono al 1990 e al 1992". Nella motivazione la Corte sottolinea inoltre che "la reputazione non si identifica con la considerazione (talvolta ombrosa) che ciascuno ha di se' con il mero amor proprio, ma con il senso di dignita' personale in conformita' all'opinione del gruppo sociale, secondo il particolare contesto storico e che il diritto all'identita' personale non implica la pretesa di una costante corrispondenza tra la narrazione di fatti riferiti ad una determinata persona e l'idea che la stessa ha del proprio io, giacche' altrimenti verrebbe preclusa la possibilita' di esercizio del legittimo diritto di critica". Il reato di diffamazione, conclude la Corte si configura soltanto se viene lesa la reputazione.
(22/03/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocatiGratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF