Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ladri si introducono nell'appartamento grazie all'impalcatura? Risponde l'ente committente

Condividi
Seguici

La Corte di Cassazione in una recente pronuncia (Sent. 4591/2008) ha riconosciuto la responsabilità ex art. 2051 c.c. di un ente comunale per i danni subiti dalla proprietaria di un appartamento in conseguenza di un furto ivi avvenuto ad opera di ladri che si vi erano introdotti "attraverso un'impalcatura posta su strada comunale, per lavori edilizi" eseguiti sulla facciata di un edificio comunale contiguo. Gli ermellini nell'accogliere le doglianze della proprietaria dell'immobile hanno precisato, tra le altre cose, che "in tema di appalto di opere pubbliche, gli specifici poteri di autorizzazione, controllo, ed ingerenza della p.a.
nella esecuzione dei lavori con facoltà a mezzo del direttore, di disporre varianti e di sospendere i lavori stessi, ove potenzialmente dannosi per i terzi, escludono ogni esenzione da responsabilità per l'ente committente".
(17/03/2008 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Danno biologico: aggiornate le tabelle del Tribunale di Roma
» Violenza donne: Codice Rosso è legge
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da sť l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss