La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sentenza 15809 dell’11 novembre 2002) ha stabilito che il danno alla vita di relazione costituisce un elemento del danno biologico che, se sussistente, deve essere valutato in maniera autonoma nella determinazione della somma da liquidare al danneggiato a titolo di risarcimento.

Condividi
Feedback

(30/11/2002 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi: