Cassazione: Irap per gli agenti di commercio? Non va pagata se non ci si avvale di lavoro altrui

La Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 2702/2008) ha stabilito che gli Agenti di Commercio che non si avvalgono di un'organizzazione e di lavoro altrui non pagano l'IRAP.
In particolare, gli Ermellini, richiamando una precedente pronuncia (Sent. 3678/2007) hanno precisato che "l'attivitą di lavoro autonomo, diversa dall'impresa commerciale, alla luce della interpretazione fornita dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 156 del 2001, integra il presupposto impositivo per l'Irap ove si svolga per mezzo di una attivitą autonomamente organizzata.
In particolare, il requisito organizzativo rilevante, il cui accertamento spetta al giudice di merito, sussiste quando il contribuente, che sia responsabile dell'organizzazione e non sia inserito in strutture riferibili alla responsabilitą altrui, eserciti l'attivitą di lavoro autonomo con l'impiego di beni strumentali, eccedenti il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attivitą auto organizzata per il solo lavoro personale, oppure si avvalga, in modo non occasionale, del lavoro altrui".
(21/02/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Il giudizio di pericolositą sociale del reo: come si accerta dopo le recenti riforme
» Gratuito patrocinio: le indicazioni della Cassazione sulla "non abbienza"
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'ereditą.
» Pensioni: ok condizionato del Garante per l'Ape volontaria
» L'Europa cerca (anche) avvocati


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss