Sei in: Home » Articoli

Privacy: chiarimento in tema di Fidelity card

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 5 febbraio scorso) ha reso noto di essere intervenuto nella questione relativa alla Fidelity Card e di aver vietato l'utilizzo dei dati trattati in modo illecito a quattro societÓ che operano nella grande distribuzione.
Il Garante ha quindi osservato che in questo settore sono state riscontrate molte irregolarit: sono troppi i dati raccolti per i programmi di fidelizzazione, i moduli sono sempre poco chiari, le informazioni spesso incomplete e ha verificato una certa impossibilitÓ di esprimere liberamente il consenso per i trattamenti di dati a fini di marketing.
L'AutoritÓ Garante ha quindi stabilito che gli operatori delle societÓ per cui Ŕ scattato il divieto, dovranno riformulare l'informativa (cartacea e on line), specificando quali dati sia obbligatorio indicare al momento dell'adesione al progetto e quali invece siano solo facoltativi.
Inoltre, sempre secondo le indicazioni date dal Garante, tali societÓ dovranno precisare i diritti (di accesso, rettifica, cancellazione) che la normativa riconosce, chiarire che il consenso per autorizzare l'uso dei dati per altre finalitÓ (marketing, profilazione) Ŕ libero, dovranno mettere il consumatore in condizione di poter scegliere liberamente se e quali trattamenti di dati autorizzare.
(13/02/2008 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Telemarketing: addio chiamate selvagge
» Biotestamento: Ŕ legge
» A che etÓ si pu˛ andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos'Ŕ e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF