"Non risulta stabilito in linea generale quale durata debba avere la sopravvivenza perché possa essere ritenuta apprezzabile ai fini del risarcimento del danno biologico, ma è del tutto evidente che non può escludersi in via di principio che sia apprezzabile una sopravvivenza che si protrae per tre giorni".
E' quanto ha stabilito la Corte di Cassazione (Sent. n. 870/2008) affrontando il delicato caso della morte di un ragazzo causata da un incidente stradale in seguito alla quale i genitori agivano giudizialmente per ottenere il risarcimento anche del danno biologico "iure hereditatis". Vistasi respinta la richiesta sia in primo che in secondo grado, i coniugi hanno adito la Suprema Corte che, con la pronuncia sopra citata, ha riconosciuto tale risarcimento ed ha cassato la sentenza di appello nel punto in cui ha affermato che la sopravvivenza di tre giorni era insufficiente a far acquistare alla vittima il diritto al risarcimento del danno biologico.

Vedi anche: Danno biologico - calcola on line il danno biologico alla persona.
Vedi anche:
Calcolo del danno biologico | Guida sul Danno Biologico | Articoli sul danno biologico
Condividi
Feedback

(05/02/2008 - Silvia Vagnoni)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto