L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali (newsletter dello scorso 18 novembre) ha reso note le nuove regole dettate per la tutela dei consumatori nei rapporti con banche e finanziarie quando chiedono o ottengono prestiti, mutui, particolari carte di credito e finanziamenti anche per acquisti rateali. In particolare, si stabilisce che la segnalazione dei clienti morosi alle banche dati delle centrali rischi andrà fatta solo per ritardi e morosità di più mesi o più rate. E' prevista inoltre: la conservazione dei dati dei cosiddetti "cattivi pagatori" per periodi più brevi e ragionevoli; la cancellazione delle informazioni relative a richieste di finanziamento non accolte o ritirate dagli interessati; un’informativa dettagliata ai clienti sull'utilizzo dei loro dati; la tempestività e la completezza dei riscontri forniti alle richieste degli interessati di accesso, modifica o cancellazione dei dati che li riguardano. Infine, è fatto divieto di utilizzare i dati personali presenti nelle centrali rischi per scopi estranei all'attività di rilascio o di gestione dei finanziamenti, ad esempio per scopi di marketing.

Condividi
Feedback

(23/11/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi: