Sei in: Home » Articoli

Consulta diritto dell'ex coniuge al tfr solo se maturato dopo presentazione domanda divorzio

La decisione della Consulta n. 463 del 19 novembre 2012

La Corte Costituzionale ha avallato l'orientamento affermatosi nelle corti di merito e di legittimità in relazione al diritto dell'ex coniuge al percepimento di una quota del tfr del consorte (articolo 12bis, primo comma, della legge 898/70). Secondo tale orientamento, il diritto del coniuge non passato a nuove nozze e titolare di assegno divorzile ad una quota del trattamento di fine rapporto percepito dall?altro coniuge matura solo qualora detto trattamento non sia maturato prima della proposizione della domanda introduttiva del giudizio di divorzio (Corte Costituzionale, 19 novembre 2002, n.463 - Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio - Coniuge non passato a nuove nozze e titolare dell'assegno divorzile - Diritto ad una quota di tfr dell'ex consorte - Maturazione del diritto dopo la proposizione della domanda giudiziale di divorzio - Legittimità orientamento giurisprudenziale).

Leggi il provvedimento su www.filodiritto.com
(21/11/2002 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF