La realizzazione della videoripresa di un rapporto sessuale, non limitata a un utilizzo privato, ma destinata a una diffusione suscettibile di interessare un numero indeterminato di soggetti integra il delitto di cui all'art. 600 ter del c.p. laddove coinvolti nella ripresa siano soggetti minori di età. In particolare trasmettere una video ripresa di contenuto pornografico a più persone attraverso il telefono cellulare potenzia il carattere diffusivo della trasmissione, facilmente moltiplicabile da ciascun soggetto attivo della condotta criminosa sia a sua volta un minore di età.....
Cassazione, sez. III penale, sentenza n. 27252 del 5 giugno - 12 luglio 2007 - Cesira C
Condividi
Feedback

(26/01/2008 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto
» Il reato di maltrattamenti in famiglia nella giurisprudenza