Costituisce violazione del dovere di assistenza morale e materiale sancito dall'art. 143, comma 2, c.c., oltre che del dovere di collaborazione nell'interesse della famiglia, tale da giustificare la pronuncia di addebito della separazione, la condotta del coniuge che si traduca in fatti di violenza nei confronti dell'altro coniuge ed in forme di persecuzione morale. In particolare, al fine dell'addebitabilità della separazione, il comportamento di un coniuge, rivolto ad imporre i propri particolari principi e la propria particolare..... (Leonardo Lastei)

Corte di Cassazione - Civile Sentenza 02 settembre 2005, n.17710 - Leonardo Lastei
Condividi
Feedback

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi: