Sei in: Home » Articoli

Cassazione: datore di lavoro legge le e-mail aziendali dei lavoratori? Non è reato

La Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sentenza 47096/2007) ha stabilito che non commette reato il datore di lavoro che legge le e-mail aziendali dei propri dipendenti, a condizione però che sia stabilito dalle norme aziendali che il datore di lavoro sia tenuto a conoscere le password dei PC.
Secondo gli Ermellini, infatti, la condanna penale può essere evitata dal datore di lavoro condizione però che l'impresa abbia imposto ai propri dipendenti la comunicazione al prorio superiore gerarchico, delle password dei PC e della posta elettronica. Alcune organizzazioni aziendali infatti, impongono la conoscenza del superiore gerarchico delle password dei propri dipendenti e ciò al fine di consentire l'accesso ai loro PC in caso di assenza
Tali ipotesi, secondo la Corte, rimangono escluse dal disposto dell'art. 616 c.p. che espressamente punisce la condotta di chi prende cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa a lui non diretta.
Con questa decisione la Corte ha respinto il ricorso presentato da una Procura avverso l'assoluzione di un datore di lavoro 'reo' di aver letto le e-mail aziendali di un proprio dipendente e successivamente di averlo licenziato proprio per via del loro contenuto.
(20/12/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Avvocati: entro il 31 ottobre contributi alla CassaAvvocati: entro il 31 ottobre contributi alla Cassa
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF