Il giudicato formatosi nel giudizio di cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario non preclude la dichiarazione di efficacia della sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio, in quanto tale giudicato non spiega alcun effetto sul punto della esistenza e validità del vincolo matrimoniale (salvo che la relativa questione sia stata espressamente sollevata dalle parti e dunque decisa necessariamente con efficacia di giudicato - trattandosi di questione di status - ai sensi dell'art. 34 c.p.c.
Corte di Cassazione. Sezione I Civile. Sentenza 18 maggio 2007, n. 11654 - Lastei Leonardo
Condividi
Feedback

(25/12/2007 - Laprevidenza.it)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto