Sei in: Home » Articoli

Giustizia: Avvocatura dello Stato sommersa dalle cause

Sulla base di quanto emerge da uno studio effettuato dalla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, nell'anno 2006 l'Avvocatura dello Stato è stata destinataria di circa 137.000 nuove cause e di più di 31.000 richieste di parere. L'interattività dell'avvocatura grava sul bilancio pubblico per circa € 157 milioni Ad ogni avvocato dello Stato vengono in media assegnati ogni anno ben 550 nuovi incarichi e secondo lo studio "si tratta di un numero estremamente rilevante, che condiziona tutta l'attivita' dell'Avvocatura". A quanto pare è questa la prima volta che si fa un bilancio numerico delle attività dell'avvocatura e di quanto queste attività costino per lo Stato. Secondo lo studio ogni affare legale costa allo Stato in media € 785 all'incirca il 10% di quello che sarebbe il "costo di mercato". A differenza di altri settori da pubblica amministrazione, la gestione del contenzioso dello Stato tramite un organo interno risulta dunque più economica rispetto ad una difesa affidata a professionisti esterni. I dati ricavati sulla sede di Roma dimostrano inoltre una percentuale di cause vinte pari al 55%. Dalla relazione emerge anche che un elevato numero di sentenze riguarda il riconoscimento di indennizzi per l'eccessiva durata dei processi e le riparazioni per l'ingiusta detenzione.
In questi casi la percentuale di cause perse risulta più elevata.
(13/12/2007 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Decreto dignità: il testo e i contenuti
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» La responsabilità penale dei magistrati

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss