Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lavoratore dice al datore di avere altro lavoro? Equivale a dimettersi

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 25262/07) ha stabilito che è legittimo il licenziamento del lavoratore che abbia dichiarato al proprio datore di lavoro di volersene andare perché ha trovato un nuovo posto di lavoro.
I Giudici del Palazzaccio hanno infatti ritenuto che detta frase pronunciata dal lavoratore (che nel caso di specie aveva testualmente dichiarato di volersene andare "perché aveva trovato un altro posto di lavoro"), ha significato di vere e proprie dimissioni e ciò anche se proferite verbalmente.
Nel caso di specie, inoltre la Corte ha osservato che tra le parti (lavoratore e datore di lavoro) non vi era un contrasto e la frase è stata pronunciata dal lavoratore in un giorno in cui lo stesso non aveva neanche ricevuto alcun rimprovero da parte del datore di lavoro mentre fu lui stesso a lamentarsi dei metodi lavorativi dei suoi colleghi. .
(12/12/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF