Sei in: Home » Articoli

Non prima del 2009 la Class Action europea

Si dovrà attendere il 2009 prima che i consumatori europei possano beneficiare della Class Action in "versione europa" I primi a potersi avvalere di questo strumento potrebbero essere coloro che intendono promuovere azioni di risarcimento danni per violazione delle norme antitrust comunitarie. Il modello intorno al quale si starebbe orientando Bruxelles prende il nome di 'Collective Redress' e segnrerebbe un punto di forte rottura con il modello di class action system (tipico di Australia, Canada e Stati Uniti) che permette di estendere le tutele riconosciute al primo soggetto (lead plaintifis) a tutti gli appartenenti alla medesima categoria.
Il sistema europeo vorrebbe prevedere che chiunque abbia subito un danno possa promuovere la propria azione e possa essere risarcito solo se lo fa. Bruxelles dovrà decidere se promuovere la creazione del sistema di Collective Redress in tutti i Ventisette paesi membri o se estendere un modello particolare solo dopo la presentazione dei risultati di uno studio sui punti di forza e le debolezze dei sistemi adottati in alcuni stati europei.
(04/12/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF