Sei in: Home » Articoli

Prezzi: Coldireti, non scendono pane e pasta anche se c'č riduzione 10% sul grano

Anche se il prezzo del grano si č ridotto del 10% non sembra che tale riduzione abbia potuto impedire i rincari di pane e pasta. Lo afferma la Coldiretti richiamando esperienze del passato quando alla diminuzione del costo delle materie prime corrispondeva una diminuzione dei prezzi al consumo. Oggi al contrario i prezzi sembrano sempre aumentare. "Si tratta di una evidente dimostrazione che - sottolinea la Coldiretti - eventuali variazioni dei prezzi alla produzione agricola hanno effetti molto limitati sui prezzi al consumo che dipendono principalmente da altri fattori". I prezzi dal campo alla tavola, spiega la Coldiretti, aumentano di cinque volte (+ 400 per cento) e se e' vero che e' salita a circa 467 euro al mese la spesa che ogni famiglia italiana destina per gli acquisti di alimenti e bevande, e' giusto precisare che oltre la meta' (51 per cento) va al commercio e ai servizi, il 30 per cento all'industria alimentare e solo il 19 per alle imprese agricole. "Per una efficace politica di contenimento dei prezzi alimentarial consumo occorre dunque agire - sostiene la Coldiretti - nel percorso che porta gli alimenti dal campo alla tavola intervenendo sulle filiere inefficienti che perdono valore evitando di ritardare le necessarie ristrutturazioni.
E' nella insostenibile forbice tra prezzi alla produzione e al consumo che c'e' dunque un sufficiente margine per garantire una adeguata remunerazione agli agricoltori e per non aggravare i bilanci delle famiglie".
(02/12/2007 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformitā per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss