Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Cassazione: la multa non contiene la modalità per il pagamento ridotto? E' annullabile

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 23506/2007) ha stabilito che il verbale di contestazione di una sanzione amministrativa deve contenere una serie di indicazioni necessarie al fine di consentire al trasgressore il pagamento in misura ridotta della sanzione non essendo sufficiente l'indicazione del minimo della sanzione edittale.
Gli Ermellini hanno infatti precisato che "l'art. 200 del codice della strada, nel disciplinare le prescrizioni che il verbale di accertamento dell'infrazione deve contenere, rinvia al contenuto del modello descritto dall'art. 383 del regolamento di esecuzione" e che "l'art. 383 secondo comma del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 (regolamento di esecuzione e di attuazione del codice della strada) stabilisce che, nell'ipotesi in cui è ammesso il pagamento della sanzione pecuniaria in misura ridotta, l'accertatore deve fornire al trasgressore ragguagli circa le modalità di pagamento, precisando l'ammontare della somma da pagare, i termini del pagamento, l'ufficio o comando presso il quale questo può essere effettuato ecc.".
(28/11/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione
» Bestemmia: multa solo per chi offende Dio
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss