Sei in: Home » Articoli

Filiazione naturale: la prova della paternitÓ o della maternitÓ

Il rifiuto a sottoporsi, senza giustificato motivo, agli esami ematologici, pu˛ costituire un elemento di prova nel procedimento giudiziale diretto ad accertare la paternitÓ o la maternitÓ naturale. Lo ha deciso la Corte di Cassazione (sent. n. 13766 del 07/11/2001) argomentando che detti esami non violano il diritto alla riservatezza di cui alla legge 675 del 1996 "tenuto conto sia del fatto che l'uso dei dati nell'ambito del giudizio non pu˛ che essere rivolto a fini giustizia, sia del fatto che il sanitario chiamato dal giudice a compiere l'accertamento Ŕ tenuto tanto al segreto professionale che al rispetto della legge anzidetta".
(06/12/2001 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Processo civile: compensazione delle spese pi¨ estesa
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss