Sei in: Home » Articoli

Cassazione: file pedopornografici nella cartella "Temp"? Scattano le manette

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 41067/2007) ha stabilito che commette reato chi conserva del materiale pornografico scaricato da Internet anche se questo si trova solo nella cartella 'Temp'.
I Giudici di Piazza Cavour hanno infatti precisato che "l'articolo 600 quater c.p. punisce chiunque, al di fuori delle ipotesi previste dall'articolo 600 ter, si procura e dispone di materiale pornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale dei minori degli anni diciotto" e che "la norma prevede due condotte tra loro alternative: il procurarsi che implica qualsiasi modalità di procacciamento compresa la via telematica, ed il disporre, che implica un concetto più ampio della detenzione. L'elemento soggettivo è costituito dal dolo diretto che consiste nella volontà di procurarsi o detenere materiale pornografico proveniente dallo sfruttamento dei minori".
La Corte ha poi precisato che la cancellazione dei files "incriminati" non esclude l'elemento soggettivo del reato (dolo).
Gli Ermellini hanno voluto anche sottolineare la differenza tra i files che si trovano nella cartella 'Temp' e quelli che possono eventualmente trovarsi nella cartella 'Temporary internet files' "ove effettivamente possono finire i dati provenienti dalla navigazione in internet in via temporanea".
(13/11/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Danno parentale: la nuova tabella di Milano
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi
» Le indagini del pubblico ministero
» Praticanti avvocati: da settembre le nuove regole
» Affido materialmente condiviso: una grossa opportunità per i nostri figli

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss