Sei in: Home » Articoli

Sicurezza: penalisti proclamano stato di agitazione dopo DL su espulsioni

Dopo la decisione del Governo di trafformare in decreto uno dei cinque disegni di legge del pacchetto sicurezza, la giunta dell'Unione delle Camere Penali Italiane ha proclamato lo stato di agitazione ''contro una cosi' pesante spirale autoritaria, che per di piu' non serve a procurare sicurezza ai cittadini, ma serve solo a creare una cortina fumogena che mascheri le incapacita' di gestione del territorio e degli agglomerati sociali''. Ricordiamo che il Consiglio dei Ministri dopo il caso della donna aggredita a Roma da un cittadino Rumeno, ha convocato una riunione straordinaria a seguito della quale sono state trasformate in un decreto legge le misure sulle espulsioni. Lo scopo dell'intervento del Governo, come si legge in un comunicato stampa, Ŕ stato quello di "rendere immediatamente possibile l'esecuzione dell'allontanamento di cittadini comunitari per motivi di pubblica sicurezza nei termini che giÓ erano stati definiti dal disegno di legge in materia di sicurezza urbana".

Vedi anche: Consiglio dei ministri: via libera al 'pacchetto sicurezza'
(02/11/2007 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE