Sei in: Home » Articoli

Cassazione: lecito criticare l'operato dei vigili

Via libera dalla Cassazione a chi rimprovera l'operato dei vigili. Il rimprovero, secondo la Corte, quando viene mosso dai cittadini, non solo costituisce un legittimo esercizio di critica ma può diventare utile per l'intera collettività
E così la Corte (Sentenza 36077/2007) ha annullato una doppia condanna per diffamazione inflitta a un anziano della Provincia di Venezia che aveva segnalato al Sindaco e alla Giunta il cattivo operato di cinque vigili urbani.
Condannato dai Giudici di merito, l'uomo è stato assolto dalla Corte che, accogliendo il suo ricorso, ha chiarito “le espressioni con le quali si qualifichi criticamente il comportamento dei vigili nell'esercizio delle rispettive funzioni presenta in modo netto ed evidente il requisito della pertinenza al pubblico interesse”. Questo a patto che i rimproveri non vadano a colpire la persona ma l'operato della stessa. I Giudici di Piazza Cavour rimarcano che "il modo con il quale il vigile urbano esplica il proprio ufficio nelle molteplici sue manifestazioni, legittime e, in ipotesi meno legittime, e' di palese interesse della collettività, posto che la stessa rappresenta il soggetto al quale quelle attività sono rivolte e nel cui interesse sono svolti in genere i servizi comunali, essendo altresì tale soggetto chiamato a garantire, dal punto di vista finanziario, il funzionamento della stessa macchina comunale".
Altre informazioni sulla sentenza
(05/10/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF