Sei in: Home » Articoli

Medici universitari: in tema di deroga per l'attività libero professionale intramuraria

L'appellante ha proposto ricorso innanzi al TAR Lazio per l'accertamento del suo diritto, in quanto docente universitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia, a vedersi garantita l'applicazione della normativa vigente sull'ordinamento universitario, quale risulta dal D.P.R. n. 382 del 1980 e dalle ulteriori disposizioni legislative intervenute, in tema di esercizio dell'attività istituzionale di didattica e ricerca, direzione delle strutture assistenziali, attività libero professionale e regime di impegno a tempo pieno e definito. Ciò in violazione alle intervenute disposizioni dei DD.lgs. nn. 229 del 1999 e 517 del 1999, nonché per l'annullamento della comunicazione n. G104525 del 23 febbraio 2000, a firma del Rettore dell'Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, recante “opzione attività libero-professionale”, previa devoluzione alla Corte costituzionale delle questioni di legittimità costituzionale delle disposizioni dei DD.L.vo nn. 229 del 1999 e 517 del 1999, nonché sospensione, medio tempere, dell'efficacia dei provvedimenti emanati e/o emanandi dall'Ateneo, ancorché al momento non conosciuti, immediatamente e pedissequamente applicativi dei citati DD.lgs. nn. 229 del 1999 e 517 del 1999, ove adottati nei termini preventivamente censurati nel presente ricorso in quanto viziati da illegittimità costituzionale.....
Consiglio di Stato, Sentenza 7.8.2007 n. 4387
(29/09/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF