Sei in: Home » Articoli

Cassazione: investire un pedone ubriaco? Può essere omicidio colposo

La Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 27740/2007) ha stabilito che investire un pedone ubriaco può integrare la fattispecie dell'omicidio colposo e ciò in quanto il conducente deve sempre osservare la massima attenzione nella guida.
I Giudici del Palazzaccio hanno infatti precisato che "grava sul conducente l'obbligo di ispezionare continuamente la strada che sta per impegnare, mantenendo un costante controllo del veicolo in rapporto alle condizioni della strada stessa e del traffico e di prevedere tutte quelle situazioni che la comune esperienza comprende, in modo da non costituire intralcio o pericolo per gli altri utenti della strada".
"Al fine di escludere la responsabilità del conducente – aggiunge poi la Corte - è, perciò, necessario che lo stesso sia trovato, per motivi estranei ad ogni suo obbligo di diligenza, nella oggettiva impossibilità di avvistare il pedone e di osservarne i movimenti, attuati in modo rapido ed inatteso; occorre, inoltre che nessuna infrazione alle norme della circolazione stradale ed a quelle di comune prudenza sia riscontrabile nel suo comportamento".
Con questa decisione la Corte ha confermato la condanna per omicidio colposo inflitta a un automobilista "reo" di aver investito un pedone ubriaco uccidendolo.
Leggi la sentenza
(06/09/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF