Sei in: Home » Articoli

Cassazione: assegno divorzile anche per chi ha una nuova relazione stabile

La Corte di Cassazione (prima sezione civile Sentenza n. 14921/2007) ha stabilito che l'assegno divorzile è dovuto anche se l'ex coniuge beneficiario ha instaurato una nuova stabile convivenza "more uxorio" e durante il periodo della separazione non ha ricevuto né richiesto l'assegno.
La convivenza more uxorio - spiega infatti la Corte - "pur ove acquisti carattere di stabilità, non da luogo ad un obbligo di mantenimento reciproco fra i conviventi e può anche essere instaurata con persona priva di redditi e patrimonio, cosicchè l'incidenza economica di detta convivenza deve essere valutata in relazione al complesso delle circostanze che la caratterizzano.
Quanto al rapporto fra assegno di separazione ed assegno di divorzio la Corte chiarische che "la determinazione dell'assegno di divorzio è indipendente dalle statuizioni patrimoniali operanti, per accordo tra le parti o in forza di decisione giudiziale, nel regime di separazione dei coniugi, in quanto diverse sono le rispettive discipline sostanziali cosi come diversi sono la natura, la struttura e la finalità dei relativi trattamenti. L'assegno di divorzio, quale effetto diretto della pronuncia di divorzio, deve essere, infatti, determinato sulla base di criteri propri ed autonomi rispetto a quelli rilevanti per il trattamento spettante al coniuge separato".
Vai alla motivazione della sentenza
(22/08/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF