Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'attentato di Via Rasella fu legittimo atto di guerra

La Corte di Cassazione (sentenza 17172) confermando la condanna inflitta dai giudici di merito nei confronti di un noto quotidiano per aver diffamato attraverso artioli pubblicati nel 1996 il leader gappista Rosario Bentivegna ha stabilito che l'attentato di Via Rasella fu un "legittimo atto di guerra rivolto contro un esercito straniero occupante''.
Secondo la Corte l'attentato contro i tedeschi non era rivolto a vecchi militari disarmati ma contro "soggetti pienamente atti alle armi, tra i 26 e i 43 anni, dotati di sei bombe e pistole".
I Giudici del palazzaccio, scrivono nella sentenza, che "la non rispondenza a verita' di circostanze non marginali come l'ulteriore parificazione tra partigiani e nazisti con riferimento all'attentato di via Rasella e l'assimilazione tra Erich Priebke e Bentivegna" è da considerarsi "lesiva dell'onorabilita' politica e personale" di Bentivegna.

Altre notizie su questo argomento:
Cassazione: "Via Rasella fu atto di guerra" Il Giornale condannato per diffamazione (Larepubblica.it)
La Cassazione: attentato di via Rasella e' legittimo.Feltri paghera' per diffamazione (Rai Net News)
(08/08/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF