Premesso e scontato l'obbligo datoriale al rispetto - per tutti indistintamente i lavoratori - dell'invarianza o dell'equivalenza delle mansioni ex art. 2103 c.c., in ogni mutamento di funzioni, ruolo o trasferimento, cui si aggiunge il divieto ex art. 15, lett. b) Statuto dei lavoratori di trattamenti discriminatori (trasferimento di rappresaglia incluso) in ragione dell'affiliazione o del ruolo sindacale rivestito, di seguito esaminiamo quali sono le garanzie legali avverso il trasferimento logistico del dirigente di r.s.a. nell'ambito delle articolazioni o unità produttive dell'azienda. Una delle questioni più controverse sul tema del «trasferimento dei dirigenti di r.s.a. dall'unità produttiva» attiene alla nozione di «trasferimento» in correlazione inscindibile con il concetto di «unità produttiva». (Prof. Mario Meucci - www.laprevidenza.it)
Articolo del Prof. Mario Meucci - Giuslavorista
Condividi
Feedback

(20/07/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto