Sei in: Home » Articoli

Cassazione: danno biologico? Le tabelle in uso presso i Tribunali non costituiscono fatto notorio

La Corte di Cassazione ha di recente (Sent. n. 13676/07) respinto il ricorso promosso da un avvocato avverso una sentenza della Corte di Appello che, a suo dire, nel liquidare il danno biologico a lui residuato in conseguenza della caduta da una bicicletta avvenuta per il repentino afflosciamento dello pneumatico della ruota anteriore sinistra, si era basata su delle Tabelle del Tribunale di Minano non aggiornate. “Le tabelle in uso presso gli uffici giudiziari” hanno precisato i giudici di legittimità “non costituiscono fatto notorio. Esse possono entrare nel giudizio di merito per il tramite di attività della parte, che ne solleciti l'applicazione. Oppure possono essere sussunte direttamente dal giudice che intenda assumerle come metro di liquidazione equitativo. In tal caso, potendo il giudice procedere alla liquidazione equitativa del danno direttamente nella decisione, il controllo dell'applicazione delle tabelle per il tramite del mezzo di impugnazione esperibile suppone che il giudice dell'impugnazione sia messo in grado di conoscere le tabelle applicate dal giudice che ha emesso la sentenza impugnata.
Se il giudice dell'impugnazione è quello d'appello sarà onere della parte che svolge il motivo di impugnazione sul punto produrre la tabelle e tale produzione rientrerà nel novero di quella nuova prove documentali indispensabili, cui alludono gli artt. 345 e 437 cod. proc. civ. Con riferimento al procedimento per cassazione, è da ritenere che la parte possa produrre le tabelle ai sensi dell'art. 369 n. 4 cod. proc. civ., trattandosi di documenti su cui si fonda il ricorso”. Nel caso di specie invece il ricorrente - osservano sempre i giudici della Corte “si limita ad enunciare che il punto di invalidità preso in esame dalla sentenza sarebbe quello del gennaio 2003, ma dà atto che la sentenza non lo dice espressamente e non indica se tale dato risultava in atti e nemmeno, in caso negativo, da dove dovrebbe questa Corte rilevarlo. Non solo: nemmeno indica quale sarebbe stato secondo le tabelle predette il valore del Punto al giugno del 2004, data di pronuncia della sentenza”.
(06/07/2007 - Avv.Francesca Romanelli)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF