Sei in: Home » Articoli

Cassazione penale: risarcibile il danno da mancata fruizione di una risorsa ambientale contaminata

"Integra il danno ambientale risarcibile anche il danno derivante, medio tempore, dalla mancata disponibilitÓ di una risorsa ambientale intatta, ossia le c.d. "perdite provvisorie", previste espressamente come componente del danno risarcibile dalla direttiva 2004/35/CE dei Parlamento europeo e dei Consiglio (in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale) approvata il 21.4.2004 e giÓ considerate risarcibili dalla giurisprudenza di questa Corte Suprema sotto forma di "modifiche temporanee dello stato dei luoghi" (vedi Cass., Sez. III, 15.10.1999, n. 13716). La risarcibilitÓ delle perdite temporanee Ŕ giustificata dal fatto che qualsiasi intervento di ripristino ambientale, per quanto tempestivo, non pu˛ mai eliminare quello speciale profilo dý danno conseguente alla perdita di fruibilitÓ della risorsa naturale compromessa dalla condotta illecita, danno che si verifica nel momento in cui tale condotta viene tenuta e che perdura per tutto il tempo necessario a ricostituire lo status quo". ╚ questo il principio ricavabile dalla lettura della sentenza n. 16575/2007 nella quale la Cassazione, riprendendo il contenuto di una precedente pronuncia (n. 439/1994), torna anche a definire la complessa fattispecie del danno ambientale individuando una sua triplice dimensione: "personale (quale lesione del diritto fondamentale dell'ambiente di ogni uomo); sociale (quale lesione del diritto fondamentale dell'ambiente nelle formazioni sociali in cui si sviluppa la personalitÓ umana art. 2 Cost.); pubblica (quale lesione dei diritto dovere pubblico delle istituzioni centrali e periferiche con specifiche competenze ambientali)".
(09/07/2007 - Silvia Vagnoni)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss