Sei in: Home » Articoli

Giustizia: ingiusta detenzione, si' a spese processuali

Roma (Adnkronos)- D'ora in avanti, chi si sia visto riconoscere il risarcimento per ingiusta detenzione avra' anche il diritto a chiedere il rimborso delle spese legali sostenute. Lo hanno stabilito le sezioni unite penali della Cassazione, il massimo organo della giurisprudenza penale, invertendo l'orientamento assunto in precedenza dalla Suprema Corte. Il caso esaminato dagli ermellini riguarda un imprenditore che, accusato di corruzione, passo' sei giorni in cella. Condannato ad un anno di reclusione, l'imprenditore venne poi prosciolto dalla corte d'Appello perche' nel frattempo il reato di corruzione era caduto in prescrizione.
La Cassazione, ribaltando i due verdetti, pronuncio' la completa innocenza dell'uomo ritenendolo vittima di concussione e non autore del reato di corruzione. L'imprenditore chiese pertanto il risarcimento per l'ingiusta detenzione, che venne stabilito in 40 milioni di lire. Da qui un nuovo ricorso per vedersi riconoscere anche il diritto ad essere rimborsato delle spese legali sostenute.
(27/10/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Conto corrente gratis in vigore
» Tribunale Bari: stop processi fino al 30 settembre
» L'archiviazione del giudizio
» La ricerca telematica dei beni del debitore
» Assicurazioni: al via la risoluzione stragiudiziale delle liti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss