Sei in: Home » Articoli

Cassazione: obbligo di mantenimento della prole anche per il genitore decaduto dalla potestà

Condividi
Seguici

"I provvedimenti adottati ai sensi dell'art. 330 cod. civ. hanno la funzione di impedire che la prole subisca pregiudizi a causa della condotta dei genitori, ma non hanno alcuna valenza liberatoria rispetto agli obblighi dai quali il soggetto, nei confronti del quale è pronunciata la decadenza, è gravato nei confronti dei figli nella sua qualità di genitore e, segnatamente, rispetto all'obbligo di provvedere al loro mantenimento". È sulla base di tale principio che la Cassazione penale (Sent. n. 16559/2007) ha respinto il ricorso proposto da un padre che riteneva di non essere più obbligato ad occuparsi della prole essendo decaduto dall'esercizio della patria potestà e ne ha confermato la condanna per il delitto di cui all'art. 570 cod. pen. che punisce la violazione degli obblighi di assistenza familiare.

Su questo argomento vedi anche:
- la sezione sulla mediazione familiare
- le guide legali
(08/06/2007 - Silvia Vagnoni)
In evidenza oggi:
» Niente cognome paterno se il figlio si oppone
» Fino a tre anni di prigione per chi offende il prof
» L'opposizione a decreto ingiuntivo - guida legale con modello di citazione
» Il condono edilizio
» Loltraggio a pubblico ufficiale

Newsletter f t in Rss