Sei in: Home » Articoli

Circolazione stradale - Sanzioni amministrative - Parcheggi a pagamento

“E' nullo il verbale di accertamento e contestazione per sosta vietata in un'area di parcheggio a pagamento se nella zona non è presente anche un'area di parcheggio libera”. La Corte, pronunciando a Sezioni Unite essendo stata sollevata eccezione di difetto di giurisdizione, conferma la sentenza di merito di accoglimento dell'opposizione avverso alcune sanzioni amministrative in materia di circolazione stradale, irrogate per la mancata esposizione del tagliando attestante il pagamento delle somme dovute per la sosta all'interno delle “strisce blu”. In particolare, la Corte rileva l'esistenza di vizi di legittimità nei provvedimenti amministrativi istitutivi delle zone di parcheggio a pagamento, qualora non rispettino l'obbligo, imposto dall'art 7, 8° co.
cod. strad., di prevedere zone di parcheggio libero in prossimità di esse (tale obbligo non sussiste, tuttavia, nei casi di: area pedonale; zona a traffico limitato; zone definite "A" dall'articolo 2 del DM 1444/68 e in altre zone di particolare rilevanza urbanistica, opportunamente individuate e delimitate dalla giunta nelle quali sussistano esigenze e condizioni particolari di traffico). In questo senso già Cass. S.U. n. 6348 del 1984.
Cass. Civ. , SS.UU. 9 gennaio 2007 n. 116 - Avv. Tiziana Cantarella
(15/07/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» L'Inps cerca avvocati
» Responsabilità medica: la colpa lieve resta
» L'Inps cerca avvocati
» Anche all'avvocato spettano i contributi agricoli
» Avvocati: domani niente udienze


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss