Sei in: Home » Articoli

Cassazione: revoca del difensore a mezzo telegramma? E' inefficace

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. 15311/2007) ha stabilito che Ŕ inefficace la revoca del difensore inviata a mezzo telegramma, se non Ŕ seguita da comportamenti univoci e concludenti dell'imputato, da cui si desume la volontÓ di nominare un nuovo difensore e di revocare il precedente. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che anche nei casi in cui Ŕ prevista la revoca per forme equipollenti, si richiede che la revoca trovi conferma in comportamenti univoci e concludenti dell'interessato, da cui possa essere desunta la volontÓ di nominare un nuovo difensore e di revocare quello precedente.
La Corte ha quindi evidenziato come nel caso in esame, oltre al fatto che nella revoca mancava la sottoscrizione autenticata, l'imputato, in sede di udienza, oltre a non aver confermato la revoca del mandato, si era avvalso dell'eccezione sollevata dal proprio difensore.
(11/06/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Colpo di frusta: si al risarcimento anche senza esami strumentali
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Ecco chi Ŕ Giuseppe Conte, il premier in lizza


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss